IGIENE AMBIENTALE – FISE ASSOAMBIENTE: VERBALE DI ACCORDO 20/12/2012

Firmato, il 20/12/2012, tra ASSOAMBIENTE, con l'assistenza di FISE e FP-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI e FIADEL, nell'ambito del rinnovo del CCNL 5/4/2008, il verbale di accordo che modifica la disciplina relativa all’elemento di garanzia retributiva e alla malattia breve.

Il nuovo accordo sostituisce, a decorrere dalla data di stipula, gli artt. 2 e 45 del CCNL 5/4/2008, come modificati dagli accordi di rinnovo 21/3/2012 e 15/11/2012.

Articolo 2 - La contrattazione di primo e secondo livello

L’art. 2, nella parte dedicata alla contrattazione aziendale correlata alla produttività - lettera C, comma 9 - prevede l’Elemento Economico di Garanzia (E.G.R.), a favore dei lavoratori a tempo indeterminato o determinato dipendenti da aziende prive di contrattazione di secondo livello, nei seguenti termini:

a) a partire dal 2013, a entrambi i lavoratori di cui sopra in forza nel mese di marzo di ogni anno, che non percepiscano altri trattamenti economici individuali o collettivi oltre quanto spettante per contratto collettivo nazionale, è riconosciuto con la retribuzione relativa a tale mese l'importo annuo procapite di € 150,00 a titolo di Elemento di garanzia retributiva (E.G.R.), in proporzione ai mesi in forza all'azienda nell'anno solare precedente che abbiano dato luogo a corresponsione della retribuzione ovvero di indennità a carico degli Istituti competenti e/o di integrazione retributiva a carico dell'azienda.

b) a partire dal 2012, a entrambi i lavoratori di cui sopra, il cui rapporto di lavoro cessi nel corso dell'anno solare, l'importo annuo procapite di € 150,00 a titolo di E.G.R., è corrisposto, unitamente alle competenze di fine rapporto di lavoro, in proporzione ai mesi in forza all'azienda che abbiano dato luogo a corresponsione della retribuzione ovvero di indennità a carico degli Istituti competenti e/o di integrazione retributiva a carico dell'azienda.

Ai fini della corresponsione degli importi di cui alle lettere a) e b) le frazioni di mese di servizio almeno pari a 15 giorni sono computate come mese intero, trascurandosi le frazioni inferiori.

Ai lavoratori di cui alla lettera a) che cessino dal servizio nel periodo gennaio/febbraio l'importo annuo procapite spettante è corrisposto unitamente alle competenze di fine rapporto di lavoro.

Ai lavoratori con contratto a tempo parziale l’E.G.R. è proporzionalmente ridotto in relazione alla ridotta durata della prestazione lavorativa.

Le misure degli importi individuali di cui alle lettere a) e b), sono ridotte o incrementate per effetto di quanto previsto dall'art. 45, lett. C), commi 4 e 8, in relazione agli eventi di malattia intervenuti:

- nell'anno solare precedente, per quanto attiene alla fattispecie di cui alla precedente lett. a);

- nell'anno solare in corso, per quanto riguarda la fattispecie di cui alla precedente Iett. b).

Articolo 45 - Trattamento per infermità dovuta a malattia o infortunio non sul lavoro

L’art. 45, nella parte dedicata al trattamento economico - lettera C, comma 4 - dispone nel seguente modo:

A decorrere dall'1/1/2013, in ogni anno solare, al superamento di 12 giorni calendariali di assenza per malattia, computati anche cumulativamente, o di 4 eventi comunque di durata non superiore a 12 giorni calendariali, in caso di ulteriori assenze per malattia di durata da 1 a 5 giorni l'azienda nei confronti del singolo dipendente opererà nei seguenti termini:

a) per i primi 2 eventi di assenza successivi ai predetti 12 giorni o 4 eventi, per ogni evento si opererà annualmente una trattenuta di € 15,00 dall'Elemento di garanzia retributiva (E.G.R.);

b) a partire dal 3° evento di assenza successivo ai predetti 12 giorni o 4 eventi in poi, per ogni evento si opererà annualmente una trattenuta di € 35,00 dall'Indennità integrativa mensile di cui all'art. 33, comma 3, lett. g, fino alla misura massima dell'importo annuo di tale Indennità. Qualora, per effetto delle progressive trattenute, l'ammontare annuo dell'Indennità integrativa mensile risulti esaurito, le eventuali trattenute residue saranno operate dall'E.G.R. ovvero, in quanto previsto da un contratto aziendale di secondo livello, dal premio di risultato o produttività assorbente l'E.G.R., in ogni caso fino alla misura massima costituita dall'importo annuo dell'E.G.R..

Ai fini della riduzione o dell'incremento dell'E.G.R. resta fermo quanto previsto dall'art. 2, lett. C), comma 10.

A decorrere dall'1/1/2013, ai fini della trattenuta annua:

1) dall’E.G.R., la stessa sarà operata in un'unica soluzione annua in occasione della sua corresponsione;

2) dall'Indennità integrativa mensile, la stessa sarà operata in un'unica soluzione annua nell'anno solare successivo a quello in cui si sono verificati gli eventi di malattia, entro il mese di febbraio.

Nei confronti dei lavoratori il cui rapporto di lavoro cessi nel corso dell'anno solare la trattenuta, ricorrendone le condizioni, sarà effettuata in un'unica soluzione in occasione della corresponsione delle competenze di fine rapporto.

In ogni singolo anno solare, le somme trattenute ai sensi dei precedenti punti, saranno destinate per il 60% all'incremento

- dell'Elemento di Garanzia Retributiva, in erogazione nel mese di marzo di ogni anno,
ovvero
- all'equivalente incremento del premio di produttività previsto dalla contrattazione di secondo livello,
a favore dei lavoratori le cui assenze per malattia, computate anche cumulativamente, non abbiano superato nell'anno solare i 12 giorni calendariali o i 4 eventi comunque di durata non superiore a 12 giorni calendariali.

Ai fini dell'individuazione dei lavoratori di cui sopra, si fa riferimento a quelli appartenenti alle medesime Aree operativo - funzionali di cui all'art. 15 del vigente CCNL, considerando come unica area le tre Aree spazzamento/raccolta, conduzione, servizi generali, e quali Aree distinte sia l'Area impianti e laboratori sia l'Area tecnica e amministrativa.